Equity Crowdfunding: le principali piattaforme italiane

equity crowdfunding le principali piattaforme italiane

Crowdfunding: Il significato

Il Crowdfunding  è un termine  inglese che deriva  da crowd, "folla" e funding "finanziamento", in italiano viene definito finanziamento collettivo ed è una pratica di microfinanziamento che consente di investire in progetti anche piccole somme di denaro. Ne esistono varie forme tra cui l'equity crowdfunding che punta ad investire in imprese che hanno un buon  potenziale per crescere e imporsi sul mercato. Si investono soldi in cambio di una parte delle quote del loro capitale, il che significa diventarne soci. Se un’impresa avrà successo il valore delle quote sarà elevento e le potenzialità di guadagno rilevanti.

Quali sono le principali piattaforme di Equity Crowdfunding in Italia? 

CrowdFundMe è la prima piattaforma di equity crowdfunding in Italia quotarsi in Borsa. Il portale fondato da Tommaso Baldissera Pacchetti, di cui abbiamo curato la prima versione è diventato in pochi anni il sito di riferimento per gli investitori retail, vanta un tasso di successo per le proprie campagne pari al 70%.

Mamacrowd, la piattaforma  che conferma il suo primato per capitale raccolto e  campagne chiuse con successo ed è anche uno dei portali più attenti al settore della green economy e tra i più attivi nel proporre progetti ad impatto sociale.

200 Crowd è la piattaforma italiana di riferimento per l’ecosistema fintech. Fondata da Matteo Masserdotti ha ospitato campagne di successo e di recente ha superato 1.900.000 euro di raccolta con la campagna di Sixth Continent, Social-Commerce che aumenta la capacità di acquisto delle persone.

StarsUp ha pubblicato oltre 40 offerte, raccolto più di 4 milioni e 700 mila euro di capitali e attirato più di 660 investitori. Diversi progetti di startup innovative sono stati chiusi con successo, come Triscovery che gestisce e permette di prenotare  esperienze nautiche o Ponics srl, che che opera nel settore dell’agricoltura.